Calcoli renali, le cause, i sintomi, la diagnosi e la terapia

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

Come funzionano i reni?

Prima di affrontare l’argomento dei calcoli renali è opportuno conoscere i reni ed il loro funzionamento.

Ogni essere umano è dotato, in via naturale, di due reni, organi di importanza fondamentale, che insieme alla vescica vanno a costituire il nostro apparato urinario.

I reni sono posizionati posteriormente all’addome, in corrispondenza della colonna vertebrale lombare. Sono caratterizzati da una tipica forma a “fagiolo” ed hanno una colorazione scura. Le loro dimensioni sono di circa 11.5 centimetri ed il peso tipico varia tra i 130 ed i 150 gr. (rispettivamente nella donna e nell’uomo).

La funzione che assolvono è la produzione dell’urina, ottenuta dal filtraggio del sangue. Un ciclo di filtraggio completo avviene in meno di un’ora, ma in totale vengono eliminati soltanto tra 0,5 e 2L di urina quotidianamente. Infatti buona parte del filtrato viene reimmesso in circolo.

Ovviamente i reni non si limitano a filtrare il sangue, ma depurano l’organismo da tutti i prodotti di scarto risultanti dal metabolismo, per mezzo dell’urina.

L’equilibrio idrosalino è mantenuto tale attraverso questo procedimento. Grazie, poi, ai nefroni, potenzialmente la capacità di depurazione è di circa 160 litri di sangue al giorno.

E’ chiaro come i reni siano organi assolutamente vitali, ciononostante anche soltanto un rene può soddisfare le necessità del nostro organismo.

 

Cosa sono i calcoli renali?

reni

I calcoli renali non sono altro che piccoli sassolini che si creano dai depositi salini, normalmente presenti negli stessi reni o nelle vie urinarie.

Nella sua formazione iniziale, la calcolosi renale è facilitata dall’incremento della concentrazione di questi sali minerali e dalla contemporanea riduzione dell’urina.

In via generale, la causa della calcolosi renale può essere di natura urica, infettiva, calcica oppure mista. La forma più diffusa è, senza dubbio, quella calcica, nella quale l’ossalato di calcio ed il fosfato di calcio di aggregano l’uno con l’altro.

Nella maggior parte dei casi, la dimensione dei calcoli non supera i 5mm di diametro. In questo caso essi vengono spontaneamente espulsi per via naturale. Quando si è in presenza di un calcolo renale più grosso, si potrebbe ostruire uno dei due ureteri provocando un pungente dolore lombare. In quest’ultimo caso siamo in presenza della tipica “colica renale”.

Nei casi più gravi, alcuni pazienti avevano sviluppato calcoli con dimensioni simili a quelli di una pallina da ping-pong. In tali circostanze, ovviamente, il calcolo va rimosso quanto prima al fine di evitare complicanze.

Qualora non si intervenisse con urgenza, la presenza di calcoli nei reni o negli ureteri potrebbe portare a sviluppare una seria infezione dei reni (pielonefrite acuta).

Calcoli renali: i sintomi

I calcoli renali sono di solito caratterizzati da una iniziale assenza di sintomatologia.

La loro presenza si manifesta improvvisamente, con un dolore acuto che è dovuto allo spostamento del calcolo all’interno delle vie urinarie, che tendono ad ostruirsi a causa di esso.

Il paziente avverte un dolore molto intenso, simile ad un crampo alla zona lombare, oppure al basso addome.

In questi casi si è in presenza di una dolorosa colica renale acuta.

L’intensità del dolore varia in base alla dimensione del calcolo ed al fatto che il canale degli ureteri subiscono uno spasmo nel tentativo di espellere verso la vescica il corpo estraneo.

Il passaggio del calcolo all’interno di questi minuscoli condotti può portare a sanguinamento nell’urina, che assume un colore che vira verso il rosa chiaro.

Più il calcolo è vicino alla vescica, maggiore sarà la sensazione di dover urinare che verrà percepita dal paziente, accompagnata normalmente da bruciori.

L’intensità del dolore della colica renale può essere accompagnata a disturbi ulteriori quali cefalea, nausea e vomito.

Nel caso si presentasse anche la febbre è necessario un approfondimento medico ulteriore, perché potrebbe essere in corso una infezione delle vie urinarie.

Calcoli renali: le cause

Il 5% circa della popolazione soffre di calcoli renali, la patologia pertanto è molto diffusa soprattutto tra i maschi in età tra i 20 ed i 40 anni. La ragione di questa maggiore predisposizione degli uomini rispetto alle donne a soffrire di calcolosi ai reni è motivata da valori inferiori di citrato nelle urine dei maschi, e da infezioni prostatiche.

Per poter, però, risalire alla causa della calcolosi renale nei singoli casi, è opportuno valutarne la loro durezza e consistenza.

Infatti, la calcolosi renale è sempre generata dalla concentrazione di sostanze ben precise nelle urine. Solitamente si tratta di una eccessiva presenza di calcio e di fosfati. Alle volte anche l’eccesso di acido urico può determinare la formazione dei calcoli renali.

Accade che questi minerali ed acidi si fondano assieme a formare la calcolosi renale; alle volte le formazioni assumono una struttura cristallina, con presenza di numerose punte (sono dolorosissimi).

Altre cause che determinano la formazione dei calcoli ai reni è la presenza di un disturbo metabolico, di infezioni delle vie urinarie, un flusso urinario ridotto causato da problemi alla prostata.

Questi sono i maggiori fattori di rischio per la formazione dei calcoli renali:

  • Ereditarietà della calcolosi;
  • Gruppo etnico di appartenenza: la popolazione bianca ed asiatica sono maggiormente predisposte a soffrire di calcoli renali;
  • Eccessiva disidratazione
  • Assunzione di particolari medicinali in dosi eccessive, impiego di integratori con sali minerali e vitamine grosse quantità;
  • L’ipertiroidismo o l’iperparatiroidismo, che influenzano la produzione di calcio nel nostro organismo;
  • Condizioni climatiche estreme di caldo eccessivo, per via della maggiore perdita di liquidi dovuta alla sudorazione, con conseguente produzione di urine molto concentrate;
Più venduti - Posizione n. 1
Più venduti - Posizione n. 2
Più venduti - Posizione n. 3

Cosa sono i calcoli renali?

I calcoli renali o la calcolosi renale, sono masse solide di cristalli. I calcoli renali di solito hanno origine nei reni, ma possono svilupparsi in qualsiasi punto lungo l’apparato urinario.

L’apparato urinario comprende i reni, gli ureteri, la vescica e l’uretra.

I calcoli renali sono noti per essere una delle più dolorose condizioni mediche. Le cause dei calcoli renali variano a seconda del tipo di sedimento.

Tipi di calcoli renali

Non tutti i calcoli renali sono costituiti dai medesimi cristalli. I diversi tipi di calcoli renali includono:

Calcio

I calcoli di calcio sono i più comuni. Possono essere costituiti di ossalato di calcio (più comune), fosfato o maleato. Mangiare meno cibi ricchi di ossalato può ridurre il rischio di sviluppare questo tipo di sasso. Gli alimenti ad alta-ossalato includono patatine, arachidi, cioccolato, bietole e spinaci.

Acido urico

Questo tipo di calcoli renali è più comune negli uomini che nelle donne. Possono presentarsi in persone con la gotta o in coloro che attraversano la chemioterapia. Questo tipo di deposito si sviluppa quando l’urina è troppo acida. Una dieta ricca di purine può aumentare il livello acido dell’urina. La purina è una sostanza incolore presente nelle proteine animali, come pesci, crostacei e carni.

Struvite

Questo tipo di calcoli è trovato principalmente in donne con infezioni del tratto urinario. Queste pietre possono essere grandi e causare ostruzione urinaria. Questi calcoli sono causati da un’infezione del rene. Il trattamento di un’infezione sottostante può prevenire lo sviluppo di calcoli da struvite.

Cistina

I calcoli di cistina sono rari. Si verificano negli uomini e nelle donne che hanno la cistinuria un disordine genetico. Con questo tipo calcolo, la cistina — un acido che si trova naturalmente nel corpo — passa dai reni nelle urine.

Fattori di rischio per i calcoli renali

Il più grande fattore di rischio per i calcoli renali è che i reni possano rendere meno di un litro di urina al giorno. Ecco perché i calcoli renali sono comuni in bambini prematuri che hanno problemi renali.

I calcoli renali si verificano di solito tra le età di 20 e 40 anni. Diversi fattori possono aumentare il rischio di sviluppare un calcolo.

In genere, i caucasici hanno più probabilità di avere calcoli renali rispetto agli afro-americani. Anche il sesso gioca anche un ruolo, con più uomini che donne che sviluppano in media i calcoli renali, secondo l’Istituto nazionale di diabete e digestivo e malattie renali (NIDDK). Una storia familiare di calcoli renali può aumentare il rischio.

Altri fattori di rischio comprendono:

  • disidratazione
  • obesità
  • dieta ricca di proteine, sale o glucosio
  • condizione di ipertiroidismo
  • chirurgia di bypass gastrico
  • malattie intestinali infiammatorie che aumentano l’assorbimento del calcio
  • assunzione di farmaci quali diuretici, anti-sequestro di droga e gli antiacidi a base di calcio

Riconoscere i sintomi ed i segnali di un calcolo del rene

I calcoli renali sono noti per causare un dolore severo. I sintomi dei calcoli renali non possono verificarsi fino a quando il calcolo non inizia a muoversi verso il basso negli ureteri. Questo dolore viene chiamato colica renale. Si può avere dolore su un lato della schiena o all’addome. Negli uomini, il dolore può irradiarsi alla zona inguinale.

Il dolore della colica renale viene e va, ma può essere intenso. Le persone con colica renale tendono ad essere inquiete.

Altri sintomi di calcoli renali possono includere:

  • sangue nelle urine (urina rossa, rosa o marrone)
  • vomito
  • nausea
  • scoloriti o fallo-sentente l’odore delle urine
  • brividi
  • febbre
  • bisogno frequente di urinare
  • piccole quantità di urina a urinare
  • Nel caso di una piccola pietra nel rene, non avrete alcun dolore o sintomi quando il calcolo passa attraverso l’apparato urinario.

Perché i calcoli renali possono essere un problema

I calcoli non sempre rimangono nel rene. A volte, passano dal rene agli ureteri. Gli ureteri sono piccoli e delicati, e le pietre possono essere troppo grandi per passare senza intoppi verso il basso dall’uretere alla vescica. Il passaggio dei calcoli verso il basso dell’uretere può provocare spasmi e irritazione degli ureteri attraversati, che provocano sanguinamento nelle urine.

A volte i calcoli bloccano il flusso di urina. Questo è chiamata ostruzione urinaria. Le ostruzioni urinarie possono portare ad una infezione del rene (pielonefrite) e a danni renali.

Test e diagnosi dei calcoli renali

La diagnosi dei calcoli renali richiede una valutazione della storia di salute completa e un esame fisico.

Altri test includono:

  • esami del sangue per il calcio, fosforo, acido urico ed elettroliti
  • azoto ureico (BUN) e della creatinina per valutare la funzionalità renale
  • analisi delle urine per controllare i cristalli, batteri, sangue e globuli bianchi
  • esame del passato pietre per determinare tipo

I seguenti test possono escludere l’ostruzione:

  • raggi x addominali
  • pyelogram endovenoso (IVP)
  • pielografia retrograda
  • ecografia del rene (questo è lo studio preferito)
  • MRI dell’addome e reni
  • esplorazione addominale di CT

Come vengono trattati i calcoli renali

Il trattamento è adattato secondo il tipo di calcolo. L’urina può essere analizzata ed i calcoli possono essere raccolti per una valutazione. Da sei a otto bicchieri di acqua al giorno aumentano il flusso di urina. Le persone che sono disidratate o che hanno nausea e vomito gravi possono avere bisogno di liquidi per via endovenosa.

Altre opzioni di trattamento includono:

Farmaci adatti alla cura del dolore

Il dolore forte ed intenso può richiedere l’assunzione di farmaci antidolorifici.

Chiavi di ricerca in ingresso:

  • calcoli renali
  • calcoli renali sintomi
  • calcolo al rene
  • sintomi calcoli renali
  • Esplorazione dei depositi minerali
  • calcoli ai reni
  • sintomi dei calcoli renali
  • calcolo renale sintomi
  • i calcoli al rene danno dolore?
  • cristalli nei reni bambini